La Capitale Italiana dell’Arte Contemporanea 2026

Data:

Il Ministero della Cultura ha presentato la “Capitale italiana dell’arte contemporanea”, iniziativa promossa e voluta dal MIC che si affianca alle già esistenti “Capitale italiana della Cultura” e “Capitale italiana del Libro”.

Il nuovo riconoscimento è stato istituito per incoraggiare e sostenere la capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo della promozione e valorizzazione dell’arte contemporanea, attraverso la realizzazione e la riqualificazione di spazi e aree dedicate alla fruizione: “Affinché venga recepito, in maniera sempre più diffusa, il valore della cultura per il processo identitario nazionale, per la coesione e l’inclusione sociale, l’integrazione, la creatività, l’innovazione, la crescita, lo sviluppo economico e il benessere individuale e collettivo”.

Questi gli obiettivi specifici per la “Capitale italiana dell’Arte contemporanea”:
• realizzare e/o riqualificare aree e spazi da destinare alla produzione e alla fruizione dell’arte contemporanea;
• valorizzare il territorio e promuovere le competenze locali nel settore della creatività contemporanea, anche coinvolgendo i giovani talenti e gli artisti contemporanei nazionali/internazionali per sviluppare scambi di esperienze professionali e di confronto creativo;
• favorire la costruzione di reti tra enti pubblici (musei, centri d’arte, istituzioni) ed enti privati senza scopo di lucro (associazioni, fondazioni, spazi indipendenti, spazi non-profit) votati alla ricerca e alla sperimentazione sull’arte contemporanea;
• rafforzare la coesione e l’inclusione sociali, nonché lo sviluppo della partecipazione pubblica;
• utilizzare le nuove tecnologie, anche al fine del maggiore coinvolgimento delle giovani generazioni e del miglioramento dell’accessibilità;
• promuovere l’innovazione e l’imprenditorialità nei settori visivi, performativi e creativi anche attraverso la creazione di reti e filiere di settore;
• conseguire risultati sostenibili nell’ambito dell’innovazione culturale;
• promuovere l’immaginario italiano e la creatività nazionale anche al fine di migliorare l’attrattività del territorio nel contesto internazionale;
• perseguire gli obiettivi fissati dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile dell’ONU.

Le città, i Comuni singoli o le aggregazioni di Comuni che desiderano candidarsi al titolo potranno presentare una candidatura con allegato un dossier progettuale, comprensivo di titolo, progetto culturale, organo responsabile del progetto, direttore artistico, curatori e comitato scientifico, valutazione di sostenibilità economico-finanziaria e obiettivi perseguiti, con i relativi indicatori, entro il 30 giugno 2024.

Per info scrivere a dg-cc.ciac@cultura.gov.it e inserire nell’oggetto la dicitura: “Informazioni per Capitale italiana dell’arte contemporanea 2026”.
Bando Direzione generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

di Danilo Premoli – Office Observer
Archivio Architettura
 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Calendario eventi

Ultimi articoli

Related articles

Il neoassessore alla casa Bardelli recede da Ammlex e cede le quote

Ammlex rende noto che, alla luce della nomina ad assessore alla Casa del Comune di Milano, l’avvocato Guido...

Maximall Pompeii, apertura prevista per novembre

Parte il conto alla rovescia per l’apertura di Maximall Pompeii a Torre Annunziata, ambizioso progetto di Irgenre Group...

Cartolarizzazioni: il mercato raggiunge i 2,5 miliardi di euro, quadruplicate le Spv

Il mercato delle cartolarizzazioni immobiliari in Italia sta crescendo significativamente. In soli tre anni, il numero di SPV...

Colliers Global Investors: terminato il restyling del Voi Tanka Village a Villasimius

Arriva l’estate e parte la stagione del Voi Tanka Selected, presente all’interno del Voi Tanka Village – tra i resort...