Progetto Cmr e Gruppo Focchi vincono il Compasso d’oro Adi 2024

Data:

Compasso d’oro Adi 2024 nella categoria design dei materiali e dei sistemi tecnologici assegnato a Cellia, il nuovo modello di facciata interattiva ideato da Progetto Cmr sviluppato e brevettato in sinergia con il Gruppo Focchi, realtà aziendale con forte esperienza nelle soluzioni di facciata ingegnerizzate e realizzate su commessa. Nata dall’idea che la relazione tra la pelle esterna degli edifici e gli ambienti interni sia ormai imprescindibile, Cellia è Il nuovo modulo reattivo/sensibile per le facciate degli edifici, integrato e ad alto contenuto tecnologico, completamente personalizzabile nelle finiture, nelle dimensioni e nei livelli prestazionali, interamente realizzato in stabilimento mediante sistemi di ingegnerizzazione evoluta.

Cellia consente l’integrazione, in un’unica cellula interattiva, dell’impianto di climatizzazione e ventilazione, del cablaggio, dei sistemi schermanti (fissi con brise soleil verticali/orizzontali e mobili mediante tende tecniche), della produzione energetica attraverso pannelli fotovoltaici e dell’illuminazione sia interna che esterna. Inoltre, questo innovativo sistema può essere controllato da remoto e integrato ai più evoluti sistemi di Building Management System.

La facciata interattiva può essere installata in maniera semplice e veloce sia su opere ex-novo sia su edifici esistenti, senza necessità di spostare le persone che vi abitano e vi lavorano, mantenendo quindi a reddito gli immobili e riducendo i tempi di cantiere. Anche la manutenzione è stata pensata per essere facile e sicura, e quindi anche più economica, grazie allo studio dei punti di alloggiamento e degli accessi alle unità interne di impianto.

Il cantiere diventa in questo modo smart, breve, e a basso impatto: la posa viene effettuata per settori, in modo da limitare al minimo la sovrapposizione durante le ore lavorative e i tempi di montaggio sono ridotti grazie all’assemblaggio realizzato quasi completamente off site. Si apre quindi una concreta opportunità di riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente, accrescendone il valore economico, migliorandone l’efficienza energetica e riducendone i costi di manutenzione. Inoltre, quando si interviene sul costruito, spesso emergono vincoli architettonici, e urbanistici ai quali Cellia, flessibile e modulabile, si adatta facilmente. Allo stesso tempo, dialogando con le caratteristiche formali dello spazio su cui si innesta, il modulo rende le facciate degli immobili uniche e irripetibili, marcando il segno estetico che ogni edificio lascia nel paesaggio urbano.

“Siamo estremamente orgogliosi che Cellia sia entrata nell’olimpo del miglior disegno industriale italiano, e ancora più emozionati che questo riconoscimento sia arrivato nell’anno, il 2024, in cui Progetto Cmr traguarda i 30 anni di attività e il Premio Compasso d’oro Adi i 70 anni dalla sua istituzione – dichiara l’architetto Massimo Roj, founding partner e ceo di Progetto Cmr –. L’idea di Cellia è nata dall’ascolto delle esigenze del mercato, dei nostri partner e dei clienti: l’Italia è caratterizzata da un parco immobiliare obsoleto, di cui l’84,5% degli edifici è stato costruito prima del 1990 (contro il 65,6% della Francia e il 75,3% della Germania), e da un basso tasso di rinnovamento edilizio, pari allo 0,85% all’anno (contro l’1,7% di Francia e Germania). Cellia può essere la risposta a questo stato di fatto: in un solo modulo di involucro sono integrate molteplici funzioni capaci di rendere gli immobili unici, di valore e altamente tecnologici”.

“Seguendo i tre principi fondamentali dell’Industria 5.0 – sostenibilità, resilienza e centralità dell’Uomo – lavoriamo per sviluppare nuovi modelli di connessione tra ambiente, facciate e persone. Cellia ci permette di prefabbricare e integrare diverse tecnologie. Il risultato è un edificio più efficiente e un maggiore comfort per gli occupanti – afferma Maurizio Focchi, Presidente del Gruppo Focchi –. L’involucro non è più considerato solo elemento tecnico di separazione, ma un componente attivo che gioca un ruolo cruciale nella sostenibilità dell’edificio e nel comfort degli utenti. La relazione sempre più inscindibile tra la facciata esterna e gli spazi interni dell’edificio è uno dei principi fondamentale che ha portato alla nascita di Cellia, un sistema costruttivo ideato per accompagnare la trasformazione degli spazi abitativi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Calendario eventi

Ultimi articoli

Related articles

Stefano Scalera è il nuovo amministratore delegato di Invimit

Il Consiglio dei ministri ha dato l'ok alla nomina di Stefano Scalera quale nuovo amministratore delegato di Invimit....

I legali nel finanziamento da 290 mln a Central Sicaf

BonelliErede e Legance hanno assistito, rispettivamente, Central Sicaf S.p.A., società operativa nel mercato immobiliare italiano delle società d'investimento...

Venduto l’ex Ospedale del Mare di Venezia, sorgerà parco tech sanitario

Un tempo ospedale dedicato alla cura della tubercolosi e delle malattie respiratorie, l'ex ospedale del mare del Lido...

Teha accoglie Jacopo Palermo per potenziare il settore real estate

Teha Group ha annunciato il nuovo ingresso di Jacopo Palermo (in foto), ex ceo di Costim e esperto...