Nuovo Campus, firmato da Garretti, medaglia d’oro in green

Data:

Il Nuovo Campus, firmato da Garretti Associati, vince la seconda edizione dei Gbc Italia awards, occasione ufficiale in cui vengono promosse le eccellenze e le buone pratiche delle iniziative che si distinguono per innovazione e sostenibilità in materia edilizia, nella categoria Leadership in green building design and performance.

Lo studio di architettura milanese, guidato da Paolo Garretti, ha aperto la strada alla progettazione green in Italia, avendo, per primo, accolto e concretamente introdotto, nel modo di fare edilizia, i principi promossi dal Green building council.

Il Nuovo Campus, detto anche BO1, si trova all’interno dell’Energy Park di Vimercate, che è stato interamente progettato da Garretti Associati e dal suo primo edificio sta conquistando i massimi riconoscimenti di certificazione in ambito di risparmio energetico e valorizzazione dell’ambiente. Lo stesso Nuovo Campus, scelto come quartier generale da Nokia, Dnv – Gl e Bridgestone, nei primi mesi del 2016 aveva ottenuto la certificazione Leed Platinum for Core&Shell.

Durante la cerimonia di premiazione che si è svolta nella Sala conferenze di Confindustria ceramica a Sassuolo, il progetto ha ottenuto il premio che conferma il valore e l’importanza di una scelta progettuale rigorosa e innovativa. Una scelta che guarda al risparmio energetico già nella fase costruttiva, adotta materiali e soluzioni che consentano all’edificio di relazionarsi all’ambiente con rispetto pur mantenendo le più alte performance tecnologiche e di servizio. In quest’ottica anche gli spazi dedicati al lavoro sono concepiti come luoghi dove la qualità di vita delle persone sia al centro.

In quanto vincitore, il progetto accederà agli Europe regional network leadership awards 2017, premio europeo della rete internazionale del World green building council.

il Green building council Italia, rappresentanza nostrana del rating Leed, nato negli Stati Uniti nel 1994, per verificare e certificare, secondo parametri misurabili e oggettivi, la qualità ambientale ed energetica di quanto viene costruito, si è confermato pioniere in questo settore.

Dal 2008 a oggi sono circa 360 gli edifici certificati o in corso di certificazione Leed su tutto il territorio nazionale, per una superficie di 5 milioni di metri quadrati.

Si tratta di una risposta concreta alla sfida climatica che caratterizza il nuovo millennio, soprattutto all’indomani della notizia secondo cui nel 2015 si è raggiunto un nuovo record di concentrazione media di anidride carbonica (CO2) nell’atmosfera terrestre. Il comparto edilizio può dare una risposta scegliendo di realizzare edifici progettati, costruiti e gestiti in modo efficiente, limitando l’impatto energetico già dalle fondamenta e promuovendo tecniche costruttive rispettose dell’ecosistema e capaci di dare vita a una nuova qualità dell’abitare.

di Sabrina Suma – architetto presso Garretti Associati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Calendario eventi

Ultimi articoli

Related articles

Tasso di sforzo: affitti al 30,1% e acquisti al 19,5% nel 2024

Nel secondo trimestre del 2024, il tasso di sforzo per gli affitti è salito del 2,6%, passando dal...

Bei finanzia Prysmian con 450 milioni per la transizione energetica europea

La Banca Europea per gli investimenti (Bei) ha siglato un accordo di finanziamento da 450 milioni di euro...

Nel primo semestre i consumi languono e perdono lo 0,5% in valore

Nel primo semestre 2024 i consumi languono e archiviano i primi 6 mesi dell’anno con un -0,5%, leggermente al...

Aruba riattiva centrale idroelettrica a Melegnano

Aruba ha riattivato una centrale idroelettrica a Melegnano, collocata all'interno della stessa area in cui l'azienda possiede già...