lunedì, Febbraio 26, 2024

Migliore+Servetto disegna nuovo allestimento al Museo di storia naturale di Milano

Data:

Share post:

Lo studio di progettazione Migliore+Servetto, vincitore di un concorso nazionale nel 2018 per la progettazione degli allestimenti dell’intero museo, annuncia di avere firmato il progetto di allestimento permanente per la sala IX dedicata alla “Storia naturale dell’uomo” all’interno del Museo di Storia naturale di Milano: un intervento che, su un’area di circa 400 mq, spazia dalla concezione complessiva di impostazione della sala – in termini anche di piani e spazi di comunicazione grafica ambientale e multimedialità – alla progettazione degli allestimenti che porterà alla riapertura al pubblico della Sala a partire dalla fine del 2023, dopo oltre un anno dalla sua chiusura.

Il contributo dello studio, grazie alla corale sinergia tra elementi allestitivi, comunicazione grafica e multimedialità, mira a restituire la Sala museale come un vero e proprio “teatro della narrazione“, capace di dialogare con pubblici differenti per fascia di età, livello di conoscenza, lingua e cultura di appartenenza, mantenendo il visitatore protagonista dell’intera esperienza. Il concept allestitivo ideato per la Sala sull’evoluzione umana (Sala IX) è quindi solo il primo passo di un processo di rinnovamento messo in atto dal museo ed è stato pensato per essere poi adattato e declinato in tutte le altre.

Il Museo di storia naturale di Milano costituisce per la città un centro sia culturale che artistico, in quanto custode di una collezione dall’inestimabile valore scientifico, composta da più di 700 teche espositive suddivise in 23 sale, all’interno di un palazzo neogotico edificato nel suggestivo contesto dei giardini pubblici Indro Montanelli. La realizzazione della Sala IX è stata pensata per integrarsi armoniosamente nel complesso delle sale museali, rispettando la struttura architettonica esistente e valorizzando l’essenza del luogo.

Alla base del concept generale e al progetto di allestimento permanente della Sala, gli architetti Ico Migliore e Mara Servetto hanno posto la temporalità, immaginando spazi destinati ad una lunga vita d’uso: il sistema espositivo è stato per questo ideato in maniera integrabile, composto da elementi autoportanti e indipendenti che si inseriscono in modo leggero nello spazio, progettati per accogliere contenuti sempre diversi.

In assonanza con gli obiettivi del progetto scientifico di Anna Alessandrello, Conservatore della Sezione di Paleontologia del Museo di Storia Naturale di Milano, la disposizione dei contenuti trova così attraverso questa nuova struttura allestitiva la possibilità di sviluppare un racconto denso e stratificato, a cui il visitatore si può accostare in modo coinvolgente e spontaneo attraverso molteplici livelli di approfondimento in base alla propria curiosità e conoscenza.

La progettazione del nuovo assetto della Sala, che è composta dalla combinazione di diverse tipologie espositive, restituisce in modo immediatamente intellegibile la ripartizione curatoriale in quattro macro-aree, ciascuna delle quali, contraddistinta da un colore e da una segnaletica numerica e visiva fuoriscala. “Chi siamo?” : la posizione dell’uomo nella natura e all’interno dell’ordine dei Primati;  “Un cespuglio africano”: tra 6 e 2 milioni di anni fa in Africa si sono originate e hanno convissuto numerose specie di ominidi bipedi, tra cui le più antiche del genere Homo; “Fuori dall’Africa”: nel corso degli ultimi 2 milioni di anni circa, rappresentanti del genere Homo hanno a più riprese ampliato il proprio areale diffondendosi al di fuori dell’Africa; “Homo sapiens”: la comparsa dei più antichi appartenenti alla nostra specie.

Al centro di ciascun’area campeggia una torre scenica, cuore dell’allestimento: un parallelepipedo alto 4,5 metri, realizzato totalmente in vetro, pensato come ambientazione di una narrazione tra il fisico e il digitale, sia negli spazi interni sia in quelli esterni. La prima torre è completamente chiusa e funge da grande teca in cui sono esposti scheletri di primati attuali. La seconda è attraversabile ed invita il visitatore ad entrare, immergendosi nella scenografia multimediale. La terza ha un ingresso che apre lo sguardo sull’ambiente interno, allestito per costruire un racconto immersivo sull’uscita dall’Africa di antichi rappresentanti del genere Homo. La quarta, anch’essa attraversabile come la seconda, è dedicata al pensiero e alla creatività e si affianca ad una teca speciale costruita ad hoc che contiene resti monumentali di animali preistorici.

Accanto alle quattro torri sono disposti cinque espositori free-standing, alti 2,5 metri, pensati come bauli di racconto aperti e posizionati in verticale, il cui interno è allestito per approfondire temi inerenti alla sezione entro cui sono collocati, e cinque teche, presenti in Sala in due tipologie: a tavolo e a torre. Grazie alla presenza di impercettibili cerniere posizionate sui lati, è stato possibile allestire entrambi i modelli direttamente dall’interno. Questo accorgimento è stato pensato per agevolare l’eventualità di aggiornare o modificare il contenuto esposto in modo agile e veloce, per garantire piena rispondenza al continuo evolvere delle necessità espositive. A dare continuità al racconto frazionato nei quattro momenti, lo Studio di progettazione Migliore+Servetto ha posizionato sui lati lunghi della sala un doppio piano inclinato, uno per ogni sezione, per ospitare la timeline che accompagna in ogni area il pubblico durante la visita, contestualizzando temporalmente il racconto della sezione.

In corrispondenza dell’ingresso e dell’uscita della sala sono state posizionate poi due quinte grafiche, due piani di racconto che permettono di restituire al visitatore tematiche complessive sui temi museali in mostra.

Completa l’allestimento una gradonata laterale ad angolo che offre a chi vi si siede una panoramica di tutta la Sala, pensata per accogliere i gruppi e offrire un punto di partenza alle guide, che hanno qui modo di raccontare e introdurre gli argomenti complessivi delle varie sezioni. Uno spazio di sosta pensato anche per i singoli per godere di un momento di accoglienza con una vista scenografica sull’intero il percorso.

“Siamo convinti che lo spazio museale debba diventare sempre più un luogo di consapevolezza e identità, un spazio inclusivo, capace di parlare in modi diversi a pubblici differenti, dove incontrarsi e dove voler tornare” raccontano gli architetti Migliore e Servetto. “La volontà dell’intervento di rinnovare la forza identitaria e di racconto della Sala dedicata alla Storia Naturale dell’Uomo è parte di un progetto più ampio attraverso il quale si mira alla restituzione dell’alto valore culturale del Museo di Storia Naturale di Milano: un luogo già di per sé di straordinaria ricchezza che, grazie al nuovo progetto, può offrire diversificati scenari di narrazione per vivere un’esperienza memorabile di approfondimento e conoscenza.”

Lo studio Migliore+Servetto ha curato anche il progetto del lighting design, dove luce e ombra, concepiti come due elementi dialettici che permeano l’ambiente, creano percorsi e disegnano accenti, definendo il ritmo di visita e di lettura. Il progetto prevede infine anche una diffusione sonora ambientale che accompagna la visita.

All’interno del concept definito, il progetto grafico è stato sviluppato da Studio Nexo, mentre quello multimediale da Studio Azzurro. La realizzazione è di Gruppo Fallani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Calendario eventi

Ultimi articoli

Related articles

Fiaip: in Lazio nel ’23 meno compravendite ma prezzi in aumento

Casa come bene rifugio per eccellenza per le famiglie italiane e investimento immobiliare la forma più sicura di...

Pgim Re acquisisce due edifici logistici a sud di Milano

Pgim real estate comunica di avere acquisito due edifici logistici di prim'ordine nel sud di Milano e di...

Nhood certifica i servizi di leasing, lease e technical management

Nhood, società internazionale di soluzioni immobiliari specializzata nel commercial real estate e nella rigenerazione urbana, comunica di avere...

Prima locazione e avvio i lavori per lo sviluppo logistico di Filago (BG) di Glp

Con la firma del primo contratto di locazione, prendono avvio i lavori di realizzazione dell’immobile logistico build to...